view_lista_news

Dalla Rivoluzione Scientifica agli acceleratori

Le aperture primaverili al Museo di Storia della Fisica

 


Tra aprile e giugno, il Museo di Storia della Fisica organizza un ciclo di tre incontri per accompagnare i visitatori alla scoperta delle sue collezioni, tanto preziose quanto affascinanti.

 

 

La Rivoluzione Scientifica del XVII secolo

 

• 18 aprile 2019, dalle 18.00 alle 19.00

 

La visita guidata al Museo sarà centrata sui cinque fondamentali strumenti – detti anche “strumenti filosofici” - che emergono dalla Rivoluzione Scientifica: cannocchiale, microscopio, barometro, termometro e pompa da vuoto.
Verranno ad esempio presentati al pubblico il microscopio firmato “Eustachio Divini Roma 1671”, unico al mondo; alcuni cannocchiali seicenteschi e settecenteschi, tra cui un modello firmato da Domenico Selva, artigiano veneziano famoso in tutta Europa; o ancora la pompa da vuoto a due cilindri che il Senato della Repubblica di Venezia decise di acquistare già nel 1738, non appena venne istituita la cattedra di fisica sperimentale presso l’Università di Padova.

 

 

Giovanni Poleni: fisica sperimentale nella Padova del ‘700


• 16 maggio 2019, dalle 18.00 alle 19.00

 

Si presenterà la raccolta di strumenti che Giovanni Poleni, primo professore di fisica sperimentale presso l’Ateneo patavino, si procurò a partire dal 1739 sia per le proprie ricerche che per le spettacolari lezioni di fisica, basate su esperimenti e dimostrazioni.
Si vedranno ad esempio gli apparati acquistati presso l’abate Nollet, lo scienziato di Corte del Re di Francia, o presso l’atelier dei Muschenbroek a Leida – ricordiamo tra questi una rarissima “pentola a pressione” settecentesca -, ma verranno messi in luce anche gli strumenti costruiti da Philippe Vayringe, che suscitarono all’epoca l’ammirazione di Voltaire.
Dalla meccanica all’idrostatica, dagli studi sul calore a quelli di ottica, la visita illustrerà la ricca strumentazione di Poleni tra cui una camera ottica, simile a quella usata da Canaletto, paradossi meccanici, giochi ottici, ma anche modelli di macchine che svolsero un ruolo importante nell’ambito della storia della Repubblica di Venezia, in particolare nel suo sviluppo economico e urbanistico.

 

 

Alle radici della fisica moderna

 

•13 giugno 2019, dalle 18.00 alle 19.00

 

Il Museo propone per questa apertura straordinaria di esaminare gli strumenti e gli esperimenti che segnarono fra ‘800 e ‘900 la nascita della fisica moderna. Si vedranno ad esempio spettroscopi ottocenteschi, i primissimi tubi a raggi X, e dei tubi di Braun, antenati della televisione. Si potranno scoprire delle lastre radiografiche realizzate nel 1896, appena quindici giorni dopo la scoperta dei raggi X, e gli apparecchi che venivano impiegati a fine Ottocento per studiare la radioattività dell’aria. Si avrà poi l’occasione di esaminare gli strumenti con cui Bruno Rossi, uno dei padri della fisica delle particelle, avviò a Padova lo studio dei raggi cosmici.

 

 

Per prenotazioni :
Cooperativa Mondo Delfino
Via Roma, 45/2 - 31044 Montebelluna (Tv)
segreteriamusei@mondodelfino.it / info@mondodelfino.it
Tel. 333-4308117


Scarica il programma degli eventi in programma al Museo di Storia della Fisica 2018-2019

 

Museo di Storia della Fisica
presso Dipartimento di Fisica "Galileo Galilei" - Polo didattico
via Loredan, 10 - 35131 Padova

view_lista_news_archivio