MUSEO DEGLI STRUMENTI DELL'ASTRONOMIA

Strumenti al telescopio

 

Per lo studio astrofisico degli oggetti celesti è necessario riprendere su un supporto fisico le immagini o gli spettri degli stessi. A tal fine sono stati costruite macchine fotografiche e spettrografi dedicati al telescopio dell’Osservatorio. Solo in alcuni casi gli strumenti potevano essere acquistati dai produttori, normalmente ogni strumento fu costruito specificatamente per questo telescopio. Con l’aumento delle prestazioni ottiche dei componenti gli stessi strumenti sono stati aggiornati per ottenere migliori immagini e spettri.

La collezione raccoglie le macchine fotografiche dei primi fuochi Cassegrain e Newton, gli strumenti di calibrazione delle lastre fotografiche, i primi dispositivi elettronici per la digitalizzazione delle immagini direttamente al telescopio.

Gli spettrografi sono suddivisi in tre tipi “A”, “B”, e “C”, ognuno con caratteristiche e prestazioni ottimizzate per l’oggetto da riprendere, sia esso una stella o una galassia. Lo spettrografo “A” fu il primo nella storia dell’astrofisica italiana a produrre spettri di altissima qualità e venne utilizzato fino agli anni 90 del secolo scorso.