view_lista_news

POLYPLACES: TANTI MONDI IN UN LUOGO SOLO

IL MUSEO DI GEOGRAFIA LANCIA LA SUA AUDIOGUIDA PER LA CITTÀ

A partire da lunedì 10 maggio il Museo di Geografia del Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità dell’Università di Padova rende disponibile al pubblico “Polyplaces: tanti mondi in un luogo solo”, la prima audioguida con la quale è possibile arricchire il proprio sguardo geografico su luoghi apparentemente ordinari della città di Padova. Il primo “capitolo” accompagna cittadine e cittadini a percorre e conoscere via del Santo, da Palazzo Zabarella alla piazza del Santo.

Questo progetto – afferma Mauro Varotto, responsabile scientifico del Museo di Geografia - nasce con l’obiettivo di promuovere il sapere geografico quale competenza fondamentale per potersi orientare spazialmente e culturalmente nel mondo. La prima traccia di questa audioguida servirà a dilatare l’esperienza museale oltre le sale del Museo, offrendo una sorta di racconto “aumentato” del contesto territoriale di via del Santo, in cui il Museo di Geografia è inserito. La guida servirà anche a fare rete con il tessuto culturale e produttivo del quartiere, con l’obiettivo ultimo di arricchire l’esperienza di chi vive e visita la nostra città.
Il primo capitolo di questa nuova iniziativa del Museo, che ha sede in via del Santo 26, è dedicato proprio alla via che da Palazzo Zabarella si dirama verso sud fino a confluire in Piazza del Santo. Il percorso è scandito da dieci tracce audio che guidano gli ascoltatori in un tragitto di 450 metri alla scoperta (o ri-scoperta) delle tante geografie della via attraverso originali punti di vista e d’ascolto.

I testi della guida rispecchiano la ricchezza dell’approccio geografico – afferma Giovanni Donadelli, conservatore del Museo di Geografia - in quanto approfondiscono molteplici dimensioni: quella geografico-fisica, che si interroga su provenienze e direzioni degli elementi materiali che caratterizzano la via; quella numerica, che descrive il contesto attraverso caratteristiche quantificabili come ad esempio quote altimetriche, portici, edifici, ecc.; quella storica, che permette di ricollegarsi alle origini delle prestigiose residenze che si affacciano sulla via, ma anche quella della climatologia, che introduce nello scenario distopico di una Padova quasi completamente sommersa per effetto della fusione dei ghiacci polari. La dimensione che più ci sta a cuore tuttavia è quella del coinvolgimento - continua Donadelli - che consentirà attraverso specifiche “missioni geografiche” (www.missionigeografiche.it) di conoscere ed incontrare buona parte degli esercenti della via: in alcuni casi invitando ad entrare nei negozi per risolvere un mistero o imparare qualcosa di nuovo, in altri casi scoprendo curiosità e aneddoti narrati dagli stessi titolari. Le missioni possono essere svolte individualmente o in piccoli gruppi, in autonomia o attraverso l’aiuto di passanti e residenti, e rappresentano un elemento d’interesse complementare alla visita del Museo.

Particolarmente prezioso nell’ideazione di questo progetto è stato il ruolo dell’Associazione Gattamelata rappresentata da Bruna Gallo, titolare de “La Pagoda”: Siamo stati felici di partecipare e contribuire a questa originale iniziativa promossa dal Museo di Geografia in quanto riteniamo che vada nella direzione che la nostra Associazione auspica da anni: operazioni culturali come questa contribuiscono a rivitalizzare Via del Santo arricchendola e promuovendola sia in ambito cittadino che turistico.
Oltre al supporto dell’associazione, c’è stata la piena collaborazione di tutti i soggetti coinvolti tra i quali la Libreria Minerva, il Liceo Duca d’Aosta, l’Antica Salumeria Franchin, la Farmacia “Il Santo”, l’Argenteria Calegaro, il negozio di Arte Sacra “Il Pellegrino”, la Libreria “Ai due santi”, i locali Sugo, Soul Kitchen, Ichiban, l’enoteca da Severino, la Pasticceria Lilium e il salone Di Lando; ma la collaborazione sarà destinata in futuro ad allargarsi anche agli altri operatori presenti lungo la via.

A dare ritmo alla guida c’è infine la musica di Alberto Ziliotto, chitarrista veneziano che ha all’attivo due album e diverse collaborazioni prestigiose.

 

Le audioguide sono 24 e saranno rese disponibili gratuitamente presso il front-office del Museo di Geografia, in via del Santo 26, a partire da lunedì 10 maggio nei seguenti giorni e orari:

• lun - mer - gio: dalle 9:00 alle 15:30 (consegna entro le 15:00).

• mar - ven: dalle 9:00 alle 17:30 (consegna entro le 17:00).

Per i gruppi è consigliata la prenotazione 

Al momento della consegna verrà richiesto un documento a titolo di garanzia.

Dopo ogni uso, le audioguide (che possono essere usate anche con i propri auricolari) saranno opportunamente igienizzate.

view_lista_news_archivio